venerdì, giugno 01, 2018

Melusina


".....La Principessa non ci ha aiutate quest'anno. Stava preparando la Lettera Letteraria che doveva impostare, anche se ha sostenuto il contrario e ha detto che doveva sbrigarsi a finire lo Scrigno di vetro per il libro di fiabe. Credo che scriva meno poesie. Di sicuro non me le fa vedere, la sera, come eravamo solite fare. Tutta questa corrispondenza nuoce alle sue doti naturali. Non ha alcun bisogno di adulazione epistolare. Conosce il proprio valore. Come vorrei essere altrettanto sicura del mio.  ......"  dal diario di Blanche Glover - Possession Cap. IV 


Al Mit dello scorso febbraio ho acquistato questa teca di vetro e legno di Volker Arnold . Ho pensato, non appena l'ho vista, che poteva essere adatta a rappresentare il famigerato "scrigno di vetro" che doveva contenere "...l'ambizioso Progetto Fiabesco..." di Christabel, come lo definisce R. H. Ash in una delle sue lettere  indirizzate a lei. Il poeta la incoraggia, sin dal loro primo incontro, in effetti ("......Sono persuaso che dobbiate dedicarvi a quel grandioso Tema Fiabesco: ne trarrete qualcosa di insolito e originale. ...." Cap. I ).  Non so se dipingere il cofanetto. Mi sembra impresa ardua in questo momento.  Inserire, sul fondo, un giaciglio su cui appoggiare questo libro così importante per Christabel, magari è giá qualcosa di più facile e immediato.
Qualche settimana fa sono incappata, per puro caso, in un forum al femminile in cui una delle iscritte chiedeva informazioni sulla bibliografia di Christabel LaMotte. Era incredibilmente interessata ad acquistare i suoi libri di poesie. Fantastico!!! Questa è la forza della scrittura di A.S. Byatt in Possession. Rendere i suoi personaggi di fantasia talmente ricchi di ogni dettaglio da farli sembrare realmente vissuti. In realtà una bibliografia della poetessa preraffaellita, protagonista del suo romanzo, esiste!!!....seppur nella fantasia. "...Ha scritto poemi religiosi...Un tetro libriccino intitolato 'Cose ultime'. E storie per bambini, 'Fiabe narrate in novembre'. Cose che ti fanno svegliare di soprassalto nella notte. E un'epica che dicono che sia illegibile....dal titolo 'La fata Melusina'...che lei riscrisse almeno otto volte, modificandola sempre. "...Christabel LaMotte ha scritto questo lungo e contorto poema a partire dal 1860 ed è stato pubblicato agli inizi degli anni settanta.   ...." ( Cap. III )
Infatti la moglie di Randolph, Mrs. Ellen Ash, acquista una copia del libro nel novembre del 1872. "Ho cominciato oggi a leggere La Fata Melusina, che mi sono comprata lunedì da Hatchard. ....Miss LaMotte ha un talento indiscutibile per far accapponare la pelle."  ".....Con quanta cura, con quanta sicurezza è stata congegnata. Pur essendo sempre vissuta nel nostro paese, Miss LaMotte resta essenzialmente francese nel suo modo di vedere il mondo. Anche se non c'è nulla da eccepire in questo splendido e coraggioso poema, nella sua morale."...... Compiendo "un'impresa gigantesca", Ellen legge tutto il poema e scrive nel suo diario: " Oggi ho riposto Melusina, poiché sono arrivata tremando alla fine di questo meraviglioso lavoro. Che cosa posso dirne? È veramente originale.....A che cosa posso paragonare tutto ciò? A un gigantesco arazzo dal disegno intricato....Mi ha fatto pensare ai tessuti con scene di caccia della Franklin's Tale o di The Fairie Queene, dove colui che guarda vede l'arazzo prender vita sotto i suoi occhi attoniti...." ( Cap. VII )
Non fu solo Ellen ad apprezzare la lirica sulla fata-sirena della sua rivale in amore. ".....nel periodo preraffaellita venne apprezzata da alcuni critici, tra cui Swinburne....." ( Cap. IV ) e anche ".... Virginia Woolf la conosceva, la citava come esempio...." (Cap. III )


Ma nonostante tutte queste dotte citazioni, un libro che racchiude un'epica su Melusina scritta da Christabel LaMotte purtroppo non esiste davvero. E allora, dopo alcune ricerche, ho suggerito a Caterina Milella, per far  diventare reale l'opera in scala 1/12, di prendere in considerazione  la versione medievale di Melusina scritta da Jean D'Arras,ma in un'edizione stampata nel 1854, data più vicina alla storia delle due protagoniste. Non potendo avere la copertina originale del libro di Jean D'Arras, altrimenti non sarebbe sembrato scritto da Christabel, sono andata a caccia di una nuova copertina su cui stampare il titolo. La scelta è arrivata per caso. Avevo giá scoperto che Dante Gabriel Rossetti, tra le tante cose, aveva anche scritto un "Ballads and Sonnets" la cui copertina floreale mi era piaciuta molto. Grazie al suggerimento e ai "giochi di prestigio" di Caterina Milella, ecco trovata la copertina del poema di Christabel.

Era " Miss Blanche Glover...." che ".....preparava le incisioni su legno misteriose e perfette che illustrano le deliziose, seppur vagamente inquietanti Fiabe per innocenti di Christabel, le Fiabe narrate in Novembre e le liriche religiose, Orazioni. È convinzione comune che proprio Miss Glover sia stata la prima a incoraggiare Christabel a dare inizio al grandioso e oscuro poema epico...." ( Cap. IV ), l'unica opera dell'amica che non potè illustrare. ".... Purtroppo nel 1861 Miss Glover annegò nel Tamigi. Sembra che la sua morte abbia avuto un effetto terribile su Christabel....." "....Per quanto se ne sa, dopo Melusina non ha più scritto poesia, e si è rinchiusa via via in un volontario silenzio. ..." ( Cap. IV )

P.S. Per leggere tutti i dati descrittivi del mini libro, nonché tutte le immagini Preraffaellite di cui è corredato, vi rimando al link Facebook di Le Minis di Cockerina, qui.






7 commenti:

cockerina ha detto...

fino all'ultimo ho temuto che il libro non potesse entrare nella teca, ma ora vedo che ci sta comodamente e sono felice di aver realizzato un altro tuo sogno! un abbraccio <3

BLANCHE ha detto...

Grazie Caterina! Il libro si sta comodamente e ci starebbe anche un bel cuscinetto sottile. Provvederò quanto prima a colmare questa mancanza! ;-)

Ersilia Fiorucci ha detto...

Io c’ero 😉 ...
Il libro è bellissimo e la teca perfetta.
Brave Blanche e Caterina!

rosanna ha detto...

Perfetto ! tutto assolutamente perfetto!

BLANCHE ha detto...

Ersilia è starà una vera fortuna per me fare il giro tra i tavoli con una poliglotta come te....e non solo, mi hai salvato dalla mia emozionata confusione, altrimenti avrei perso gli acquisti precedenti. ;-D
Grazie Rosanna!!! Un bacio a entrambe!!! :-*

Elenè ha detto...

Che dire? Un altra mini-delizia che rende ancora più corposa la collezione che renderà perfetto bethany Cottage...

BLANCHE ha detto...

Grazie Elenè!!! Il prossimo post ti piacerà un sacco, ne sono sicura!!!;-)